Guida ad Adobe Firefly per creator professionisti

5 minuti   Creatività

By Gabriele Agostinis

Guida ad Adobe Firefly per creator professionisti

Di cosa parleremo oggi

Sono anni ormai che, sottobanco, Adobe incrementa la presenza dell’AI nei suoi software. Dalla selezione oggetto di PS al tracking in movimento in AE, l’intelligenza artificiale ha sempre aiutato noi creator semplificando dei processi a volte complessi.

Da qualche giorno però Adobe ha ufficialmente messo le carte in tavola e l’ha fatto in grande stile presentando Adobe Firefly.

Al momento parliamo solo di una beta, sia chiaro, ma è ciò che promette di essere una rivoluzione nel workflow dei creator che già solo con le prime release sta facendo sognare molti creativi.

Ma di cosa stiamo parlando di preciso?
Firefly è come Adobe ha ufficialmente denominato il suo progetto di integrazione dell’AI prompt-native nella sua Suite, e parlo volutamente di Suite e non di solo Photoshop perché si integrerà in diversi software dediti alla content creation.

Ma andiamo al succo del discorso e parliamo delle varie funzioni attualmente disponibili o in fase di release.

Estensione e riempimento generativi dell’immagine in Adobe Firefly

Estensione e riempimento generativi dell’immagine in Adobe Firefly

La funzione più mainstream di Adobe Firefly è questa: quella più WOW, adatta a stupire anche chi non è addetto ai lavori.

Photoshop (attualmente Photoshop Beta) vi permette di riempire un qualsiasi spazio che voi selezionate con quello che gli chiedete.

Tutto ciò prompt-based, come se chiedeste al nostro amato chatgpt di aggiungere qualcosa che in quella foto non c’è.

Una delle funzioni più sbalorditive poi è proprio l’estensione generativa. Potete prendere una foto quadrata e chiedergli di renderla verticale o orizzontale con un semplice prompt, e fidatevi che i risultati sono veramente sbalorditivi.

Volete aggiungere o cambiare qualcosa nella foto? lo selezionate e scrivete sul prompt cosa vi serve che generi.
Volete cambiare il tessuto della giacca del vostro modello? Voi chiedete e lui lo fa!

Volete togliere lo zio ubriaco che passa dietro agli sposi durante il matrimonio?
lo selezionate e con un click scomparirà come nulla fosse.

Chiaro, al momento non possiamo ancora trasformare una Ferrari in una Twingo senza che nessuno se ne accorga… o forse si!

Finito l’articolo vado a provarci e vi faccio sapere.

Text to image, o meglio, il text to TUTTO

Ciò che promette Adobe è decisamente mind-blowing per noi creativi: Adobe Firefly genererà un immagine TOTALMENTE EDITABILE, un VETTORIALE, un PENNELLO o un PATTERN.

Vabbè Gabri, esiste già Midjourney… cosa me ne faccio?
Semplice, non parliamo solo di generare, ma anche di editare!

Non ci limiteremo più a scrivere un prompt ed ottenere un’immagine in jpg.

Ciò che promette Adobe è decisamente mind-blowing per noi creativi: Adobe Firefly genererà un’immagine TOTALMENTE EDITABILE, un VETTORIALE, un PENNELLO o un PATTERN.

Si, hai capito bene!
Genererà psd/AI/pennelli e pattern con i vari livelli editabili a piacimento (cosa che al momento nessun tool sembra capace di fare) dandoci il più totale controllo di ciò che abbiamo generato.

Potremo generare un volto e modificarne qualsiasi aspetto, dal sorriso allo sguardo, dalla forma alla posizione degli occhi.

I più esperti mi diranno: “Vabbè ma con fluidifica potevo già fare molte cose”.
Vero, assolutamente. Ma dovevi perderci le ore.
Ora chiedi, lui fa e poi, alla peggio, sistemi i piccoli dettagli.

Insomma, stiamo parlando di una vera rivoluzione nel mondo della content creation professionale.

E se mixassimo questa funzione con quella descritta sopra? Lascio a voi immaginare le conseguenze.

Gli effetti sul testo con Adobe Firefly

Aggiungere pattern e stili al nostro testo semplicemente tramite l’utilizzo di un prompt.
Si, avete letto bene. Anche questo è possibile fare con Adobe Firefly.

Potremo personalizzare i nostri testi senza dover impazzire a creare o cercare online dei pattern adeguati, ma semplicemente chiedendolo all’AI.

Addio alle ore di ricerca o di creazione a mano dei pattern per i testi. Ora chiediamo, Adobe Firefly fa e poi se necessario ritocchiamo.

Questa è una funzione che nel mondo brand potrà essere molto utile. Nel mondo Performance un po’ meno, ma se sfruttata con intelligenza potrà darci molte soddisfazioni!

Ma come vi dicevo Adobe Firefly non ha pensato solo ai creator “statici”, infatti lato video ha promesso delle novità incredibili.

Voglio sottolineare la parola “promesso”, perché per ora nulla di tutto ciò è ancora testabile realmente, ma nelle demo mostrate da Adobe ci sono delle novità molto croccanti per i creator video.

Font, effetti dinamici sul testo, grafiche e loghi

Diciamo addio ai template pre-animati scaricati o alle ore di editing per muovere un testo o renderlo 3D.

Prepariamo la scritta e chiediamo a Adobe Firefly di fare il resto. Utopico? Per molti si, per Adobe no.

E come sempre, tutto editabile!

Musica e sound effects

Quante ore abbiamo perso a cercare musica nelle banche dati online? Quanti abbonamenti abbiamo fatto?

Ecco, Adobe vuole farci risparmiare questo tempo permettendoci di scrivere ciò che ci serve e farcelo generare.

Lato sound effect è un risparmio immenso di tempo. Lato musica dipenderà da quante musiche diverse potrà generare… ma di sicuro rivoluzionerà il nostro lavoro, soprattutto per creare contenuti veloci e scalabili!

Color correction… via prompt!

Non stiamo scherzando, potremo chiedere via prompt di cambiare la colorazione dei video, o delle immagini, a nostro piacimento.

È nuvoloso ma a te serve una luce da golden hour? Scrivi e lui lo fa.

Per chi non ha mai fatto questa cosa, sappiate che farlo a mano richiede ore e ore di lavoro. Ora potremo risparmiare di sicuro una parte consistente iniziale di lavoro partendo già da una modifica fatta sulla nostra richiesta.

Text to storyboard

Letteralmente dal testo allo storyboard.

Scriviamo uno script (o ce lo facciamo generare da un prompt scritto da noi) e l’AI ci creerà uno storyboard visuale.

E c’è di più! Lo metterà in sequenza dandoci una previsualizzazione temporale del nostro storyboard.

Per chi come me è creativo ma non illustratore, questa è veramente una novità incredibile.

Non solo per la creazione di nostri video, ma anche per i brief da dare ai creator.

Passeremo dal dire cosa vorremmo a dargli una pre-visualizzazione di ciò di cui abbiamo bisogno!

Montaggio… automatico!

Si, avete letto bene, fa praticamente tutto lui.

Quello che promette Adobe Firefly è sintetizzabile in:

  • Forniscimi uno script testuale del video;
  • Forniscimi le riprese;
  • Dimmi se vuoi dei testi all’interno;
  • Lascia che la magia accada!

I più nerd mi diranno: “Vabbè che novità… qualche riga di script in json e già si poteva fare”.

Vero, ma quanti videomaker hanno la benché minima idea di come scriverne una?
Ve lo dico io: pochi!

Ecco perché Adobe Firefly ci promette di fare ciò che potrebbe realmente rivoluzionare la quantità di lavoro di pre-montaggio dei contenuti e rendere scalabile la content creation anche con strumenti professionali come Premiere Pro.

Conclusione

Queste sono tutte le funzioni che, al momento, ha annunciato Adobe.

La promessa però è chiara: automatizzare sempre di più per rendere il lavoro dei creator più agile e produttivo.

Ora che la casa madre dei creativi è entrata con prepotenza in questo mercato, riprendendosi forse molti utenti che la stavano abbandonando per la sua “staticità”, mi aspetto delle risposte importanti anche dai competitor di settore. Così come mi aspetto le critiche dei “puristi” che amano passare 10 ore su envato a cercare il suono giusto del torrente per il filmino della Sagra dell’asparago.

Fatemi sapere nei commenti se vi è piaciuto questo articolo e cosa ne pensate di questa rivoluzione in casa Adobe!

Scritto da:
Gabriele Agostinis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2023 © LOOP Agency Loop srl, Piazzale Clodio 22, 00195 Roma (RM) - CF e P.IVA 10041740969 - loopsrl@pecditta.com - RM-1551855
Privacy Policy - Cookie Policy

Powered by MarchettiDesign