Guida ai CPM su Facebook Ads

4 minuti   Facebook Ads

By Giovanni Davalli

Guida ai CPM su Facebook Ads

Di cosa parleremo oggi

I CPM su Facebook Ads sono in costante aumento.

Ciò non significa che Facebook non ha più la potenzialità di un tempo, ma semplicemente che bisogna prendere atto dell’aumento dei costi del traffico e ripensare alla propria strategia pubblicitaria ed al proprio piano marketing.

In generale, quindi, per poter ottenere ottimi risultati è diventato fondamentale ragionare più a lungo termine e costruire degli asset che possano mettere l’esperienza dell’utente realmente al centro dei touchpoint delle campagne pubblicitarie.

Per farlo in maniera concreta bisogna investire in contenuti che aumentino la qualità delle inserzioni e in pagine di atterraggio che aumentino il tempo di permanenza nel sito web.

Cosa sono i CPM su Facebook Ads?

Facebook definisce la metrica CPM così:

“Il CPM è una metrica comune usata dal settore pubblicitario online per comprendere la convenienza di una campagna pubblicitaria. È spesso usata per confrontare le prestazioni tra diversi editori e campagne pubblicitarie.”

Il CPM su Facebook Ads non è altro che il costo per ogni 1000 impression che vengono acquistate con le proprie campagne pubblicitarie. In pratica è quanto andiamo a pagare effettivamente le nostre inserzioni.

Facebook ads è un sistema ad aste. I CPM aumentano o diminuiscono seconda di due metriche principali, ovvero:

  • Numero di inserzionisti (maggiore la competizione e maggiore il prezzo);
  • Qualità delle inserzioni e della pagina di atterraggio (migliore la qualità dell’esperienza di interazione con le nostre campagne e minore saranno i CPM).
Facebook ads è un sistema ad aste. I CPM aumentano o diminuiscono seconda di due metriche principali, ovvero: :
Numero di inserzionisti (maggiore la competizione e maggiore il prezzo);
Qualità delle inserzioni e della pagina di atterraggio (migliore la qualità dell’esperienza di interazione con le nostre campagne e minore saranno i CPM).

Perché il CPM aumenta e cosa vuol dire per il tuo business

Il CPM su Facebook Ads aumenta di anno in anno a causa di una maggiore competitività e un aumento del numero degli inserzionisti sulla piattaforma.

Bisogna, quindi, essere sempre pronti a tenere in considerazione un aumento del CPM in fase di calcolo dei propri budget pubblicitari: con lo stesso budget dell’anno precedente verranno acquisite meno impression rispetto all’anno successivo e, di conseguenza, la strategia sarà meno efficace.

Per fare fronte a questo aumento del CPM è necessario strutturare una strategia di marketing che tenda sempre a migliorarsi qualitativamente per abbattere i CPM siccome, come detto in precedenza, la qualità dell’esperienza dell’utente con le nostre campagne è un fattore centrale nel prezzo di CPM che pagheremo.

Inoltre è necessario, a livello di business model, creare una struttura che non sia unicamente dipendente da una sola fonte di traffico quale Facebook e che, quindi, non crolli a seguito di un aumento del CPM.

È importante, in poche parole, che il nostro business sia in grado di sopravvivere e sopportare un aumento del 15/20% del CPM anno su anno.

Come farlo? Leggete questo articolo.

Consigli pratici per rispondere a costi pubblicitari crescenti

Per migliorare a livello pratico la qualità delle proprie campagne e il livello di rilevanza verso il proprio target è necessario investire nella qualità dei contenuti delle nostre inserzioni per renderle sempre più accattivanti ed efficaci.

Inoltre, oltre che migliorare le campagne pubblicitarie in fase di pre click, è importante migliorare la qualità della pagina di atterraggio poiché, anche questa, sarà un aspetto che andrà ad incidere sulla qualità delle nostre campagne e, quindi, sul nostro CPM.

Le due alternative più pratiche e di facile realizzazione rispetto ad una pagina prodotto per diminuire i CPM sono advertorial e landing page strutturata.

Differenza advertorial vs Landing page strutturata

La differenza principale tra un’advertorial e una pagina prodotto strutturata è che l’advertorial ha in primis una funzione informativa ed educativa sul contesto che circonda la nostra offerta commerciale e i nostri prodotti in una forma, praticamente, di articolo blog.

La landing page, strutturata, invece è una pagina prodotto più completa e che mantiene un forte focus sul prodotto e le sue funzionalità e una struttura da product page.

Advertorial

Un’advertorial è una pagina di destinazione molto testuale, simile ad un articolo blog, scritta però con la funzione e l’obiettivo di far compiere azioni di conversione agli utenti.

A differenza di qualsiasi articolo di blog, quindi, che ha una funzione prettamente informativa: l’advertorial è scritto concepito con funzione di generare conversioni.

Di conseguenza il testo dell’advertorial dovrà in prima battuta concentrarsi sulle funzioni informative di un determinato argomento e prodotto andando però a toccare anche le leve emotive e i bisogni e desideri del cliente ideale che acquista quel determinato prodotto.

Proprio per questa ragione gli advertorial, solitamente, funzionano molto bene per prodotti che risolvono problemi specifici o per prodotti particolarmente innovativi la cui funzione deve essere spiegata in maniera estremamente esaustiva.

Potete pensare di utilizzare advertorial per prodotti di bellezza, prodotti che risolvono problemi posturali, integratori ecc, ecc,

Probabilmente eviterei di testare un advertorial per un prodotto di abbigliamento casual che non risolve nessun problema in particolare.

Il grande vantaggio degli advertorial è che gli utenti che vengono indirizzati in queste pagine di atterraggio diventano molto informati e ben educati circa il prodotto motivo per cui la loro sensibilità al prezzo si abbassa.

Proprio per questa ragione gli advertorial vengono spesso usati per prodotti o offerte con uno scontrino medio più elevato rispetto ad una pagina prodotto.

Ecco alcuni esempi di advertorial:

  • House of wives (brand di CBD), ne trovi un esempio qui;
  • Blissy (brand di cuscini), ne trovi un esempio qui.

Landing page strutturata

Una Landing page strutturata è un’ottima alternativa ad una normale pagina prodotto sia per abbassare i CPM che per educare i clienti maggiormente circa il prodotto, il brand e per cercare di aumentare lo scontrino medio.

Viene utilizzata molto frequentemente da brand che hanno necessità di comunicare e ribadire i loro USP per poter aumentare il volume di vendite e per quei prodotti che devono essere raccontati nel dettaglio per poter essere acquistati.

Ecco la struttura tipo di una Landing page strutturata:

  • Hero Section: questa è la prima sezione della pagina dove viene mostrato il prodotto e una tagline accattivante e che riassuma in maniera molto chiara quello che fa il prodotto o il brand.
Hero Section: questa è la prima sezione della pagina dove viene mostrato il prodotto e una tagline accattivante e che riassuma in maniera molto chiara quello che fa il prodotto o il brand.
  • Why section: questa è una sezione dove viene spiegato perché gli utenti dovrebbero provare il brand/prodotto.
2.Why section: questa è una sezione dove viene spiegato perché gli utenti dovrebbero provare il brand/prodotto.
  • Sezione PR: Questa è la sezione dove vengono mostrate le testate giornalistiche e le pubblicazioni dove è apparso il brand per aumentare la riprova sociale.
3.Sezione PR: Questa è la sezione dove vengono mostrate le testate giornalistiche e le pubblicazioni dove è apparso il brand per aumentare la riprova sociale.
  • Shop: questa è la sezione dove vengono fornite le specifiche sul prodotto e sull’offerta commerciale (prezzo, numero prodotti, ecc) e dove normalmente è possibile aggiungere al carrello/acquistare.
4.Shop: Questa è la sezione dove vengono fornite le specifiche sul prodotto e sull’offerta commerciale (prezzo, numero prodotti, ecc) e dove normalmente è possibile aggiungere al carrello/acquistare.
  • Come funziona/ USP: questa è una sezione dove viene mostrato come funziona il prodotto o dove vengono ribaditi i suoi aspetti differenzianti.
5.Come funziona/ USP: Questa è una sezione dove viene mostrato come funziona il prodotto o dove vengono ribaditi i suoi aspetti differenzianti.

In generale queste sono le sezioni che caratterizzano una landing page strutturata e che la rendono, a differenza di una pagina prodotto, molto più comprensiva e dettagliata.

Conclusione

Per fare fronte all’aumento dei CPM su Facebook Ads la soluzione più pratica ed efficace è quella di migliorare la qualità delle proprie campagne per aumentarne la rilevanza verso gli utenti ed essere così premiati da Facebook con una distribuzione a prezzo più basso.

Scritto da:
Giovanni Davalli

Commenti

  1. marco ha detto:

    Ciao Giovanni, grazie per la condivisione.
    Hai altri esempi si advertorial magari per il mercato italiano?

    Grazie mille e Buon Ferragosto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright 2022 © LOOP Agency Loop srl, Piazzale Clodio 22, 00195 Roma (RM) - CF e P.IVA 10041740969 - loopsrl@pecditta.com - RM-1551855
Privacy Policy - Cookie Policy

Powered by MarchettiDesign