Come integrare DABA e DPA nella strategia di Facebook Ads

5 minuti   Facebook Ads

By Gabriele Proietti

Come integrare DABA e DPA nella strategia di Facebook Ads

Di cosa parleremo oggi

Se ti occupi di Facebook Ads per ecommerce e non hai ancora implementato le DABA e DPA all’interno della tua strategia, allora stai sicuramente perdendo opportunità!

In questa mini-guida ti spiegherò:

● Cosa sono le campagne DABA e DPA;
● Come creare una campagna DABA o DPA;
● Quali sono le differenze tra DABA e DPA;
● Come ottimizzare le campagne DABA e DPA;

Cosa sono le campagne DABA e DPA

Hai presente quando entri su Amazon, visiti le schede dei prodotto e poi vedi sponsorizzate degli stessi prodotti su Facebook o Instagram?

Ecco quelle sono le DPA (Dynamic Product Ads) che come le DABA (Dynamic Ads for Broad Audience) mostrano i prodotti del tuo ecommerce in modo dinamico.

Sono tipologie di campagne molto utili per lavorare con tutto il catalogo prodotti (o parte di esso) in modo dinamico, lasciando all’algoritmo la possibilità di scegliere il prodotto giusto da mostrare al giusto target.

Facciamo degli esempi pratici!

Esempio 1

Il tuo ecommerce ha 100 prodotti.
Attraverso le DABA puoi dire a Facebook: mostra i miei prodotti agli utenti che più probabilmente effettueranno una conversione (aggiunta al carrello, inizio di checkout, acquisto).

L’algoritmo esaminerà tutti e 100 prodotti e mostrerà ogni prodotto al target giusto!

In questo modo potrai garantire una delivery automatica ai tuoi prodotti, limitando l’Ad Fatigue.

Le creatività mostrate, infatti, saranno sempre diverse proprio perché l’algoritmo sceglierà di mostrare in modo dinamico i prodotti giusti al target giusto.

Esempio 2

Vuoi fare remarketing a tutti gli utenti che hanno visitato le pagine prodotto del tuo ecommerce?

Attraverso le DPA potrai dire a Facebook: mostra agli utenti che hanno visitato pagine prodotto del mio ecommerce gli stessi prodotti.

L’algoritmo mostrerà il prodotto X all’utente che ha visitato la pagina prodotto X sul tuo ecommerce.

Questo tipo di campagna aiuterà ad aumentare la pertinenza delle Ads.
Infatti gli utenti vedranno comparire nei loro feed, inserzioni di prodotti che hanno verosimilmente visitato nei giorni precedenti.

Cosa sono le campagne DABA e DPA: differenza tra le due

Come creare le campagne DABA e DPA

Per creare le campagne DABA e DPA è necessario configurare correttamente il catalogo prodotti dal Business Manager.

Configurazione del catalogo

Per prima cosa accedi alla dashboard del catalogo dal menù del Business Manager e, se non hai nessun catalogo configurato, creane uno cliccando su “aggiungi catalogo”

Come creare le campagne DABA e DPA: Configurazione del catalogo

Dopodiché potrai scegliere che tipo di catalogo creare in base alla categoria merceologica del tuo ecommerce e, infine, collegarlo ad una piattaforma.

Come creare le campagne DABA e DPA: Configurazione del catalogo

Una volta fatta tutta la procedura, avrai accesso alla dashboard del catalogo da cui potrai controllare eventuali errori, la qualità del tracciamento ma, soprattutto, potrai creare sotto insiemi (di cui parleremo dopo) per ottimizzare le tue campagne.

Creazione campagna DABA e DPA

La creazione delle campagne DABA e DPA è molto semplice!
È sufficiente creare una campagna con obiettivo “Vendite” e attivare l’opzione Catalogo.

Creazione campagna DABA e DPA

Per procedere nella configurazione bisogna scendere a livello di “gruppo di annunci”.
È qui che potrai scegliere se configurare una DABA o una DPA.

Creazione campagna DABA e DPA

Quali sono le differenza tra DABA e DPA

Le DABA come riporta Facebook sono campagne che permettono di:

“Trovare nuovi utenti che non hanno mai interagito con il tuo business”.

Ciò significa che si utilizzano nella fase alta del funnel. L’algoritmo sceglierà il target giusto cui mostrare i prodotti giusti.

Le DPA, invece, sono campagne che permettono di ritargettizzare utenti che hanno interagito con i prodotti del tuo business dentro o fuori Facebook.
Sono campagne molto utili per potenziare il remarketing.

Come puoi vedere nello screenshot qui sotto, una volta selezionata la configurazione per le DPA si aprirà automaticamente un menù da cui impostare il target.

Ci sono delle opzioni di Default ed altre più customizzabili.
Il consiglio è di testarle tutte e valutare le migliori performance!

Come puoi vedere nello screenshot, una volta selezionata la configurazione per le DPA si aprirà automaticamente un Menù da cui impostare il Target.

Io, di solito, inizio utilizzando la prima opzione disponibile che racchiude tutti gli utenti che hanno visto o aggiunto al carrello in una determinata fascia temporale.

Se il mio ecommerce fa molto traffico, allora provo ad utilizzare la seconda opzione che racchiude tutti gli utenti che hanno aggiunto al carrello, uno step più avanti nel processo di acquisto.

Se ci sono casi particolari di Upsell o Cross Sell provo ad utilizzare le altre due opzioni.
Tecnicamente cambia poco, è sufficiente ragionare per capire la soluzione più adatta.

Come ottimizzare le campagne DABA o DPA

Anche le DABA e DPA si possono ottimizzare!
C’è un tipo di controllo diverso dalle normali campagne di conversione, ma si può comunque agire su più livelli e fare dei test interessanti.

Sostanzialmente quello su cui mi concentro di più sono:

  • Insiemi di prodotto;
  • Formati creativi.

Insiemi di prodotto | Cosa sono e come usarli

Gli insiemi di prodotto (o Product Set) sono dei veri e propri sottoinsiemi di prodotti che puoi creare partendo dal catalogo.

Puoi accedere alla funzione dalla dashboard di creazione del catalogo e, una volta all’interno, troverai sulla sinistra la voce “Insiemi di Prodotto”.

Insiemi di prodotto | Cosa sono e come usarli

Sono fondamentali per segmentare il catalogo e creare campagne pubblicitarie su gruppi di prodotti specifici.

L’utilità di questa funzione sta nel fatto che, anzichè lasciar decidere all’algoritmo su quali prodotti (o categorie) allocare più o meno budget, puoi deciderlo tu.
Facciamo come sempre degli esempi pratici!

Esempio 1

Hai uno store Fashion?
Immagina di segmentare il catalogo dei tuoi prodotti come se fosse uno store fisico.

Ci sarà il reparto delle tute, quello delle felpe, quello delle scarpe e via dicendo.
A cosa può servire?
A massimizzare l’effetto delle tue Ads su categorie specifiche.

Esempio 2

Hai molte rimanenze in magazzino?
Prova a creare un insieme di questi prodotti e lanciare una campagna su di essi con un’offerta particolare

Questi sono solo esempi!
Puoi segmentare per fascia di prezzo, brand, disponibilità in magazzino, il limite è solo la tua fantasia.

In fase di ottimizzazione, se le mie DABA e DPA hanno buone performance utilizzando tutto il catalogo, proverò a segmentarlo.

Potrei rendermi conto che i prodotti appartenenti alla categoria A potrebbero essere più performanti di quelli appartenenti alla categoria B.

Formati creativi

L’aspetto più importante di Meta Advertising è quello relativo alle creatività.
Ho scritto un articolo in cui ne parlo in modo più approfondito. Ti lascio il link qui.

Utilizzando le campagne dinamiche abbiamo un tipo di controllo diverso sulle creatività, io di solito utilizzo 3 formati:

  • Advantage+ Creative for catalogue;
  • Collection;
  • Carosello.

ADVANTAGE+ CREATIVE FOR CATALOGUE

Attivando questo formato a livello di inserzione diremo a Facebook di ottimizzare automaticamente il formato dell’Ad in base all’utente cui verrà mostrata.

Formati creativi: Advantage + Creative for catalogue

Praticamente sarà l’algoritmo a decidere se mostrare un carosello, una collection o un’immagine di prodotto. Non avremo alcun controllo sulla creatività, e l’unica cosa che potremo customizzare sarà il Copy.

CAROSELLO

Scegliendo l’opzione “carosello” Facebook ci mostrerà nell’anteprima il carosello dei nostri prodotti prendendo le immagini dal catalogo dell’ecommerce. Anche in questo caso l’unica cosa personalizzabile è la parte relativa al Copy.

COLLECTION

Con la collection abbiamo sicuramente più margine di azione!
È possibile, infatti, creare delle immagini o video ad hoc ed utilizzarle come copertina della collection.

Solitamente nei test che conduco, inizio sempre con il formato Advantage+ in modo da lasciare all’algoritmo il massimo del controllo. Poi, in un secondo momento, vado a testare altri formati utilizzando immagini statiche o video preparati precedentemente. Infine conduco nuovi test andando a segmentare il catalogo per categoria, brand o altro.

Spero che questa mini guida ti sia stata utile!
Ti aspetto nei commenti.

Scritto da:
Gabriele Proietti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2024 © LOOP Agency Loop srl, Piazzale Clodio 22, 00195 Roma (RM) - CF e P.IVA 10041740969 - loopsrl@pecditta.com - RM-1551855
Privacy Policy - Cookie Policy

Powered by MarchettiDesign