Facebook Ads: analizzare le promo in 2 minuti

4 minuti   Digital Strategy, Facebook Ads

By Simone Razza

Facebook Ads: analizzare le promo in 2 minuti

Di cosa parleremo oggi

Sai quale promo ha reso di più durante l’anno?
Quanto budget è stato investito su ogni promo?
Quali sono le metriche principali di ogni promo che è stata fatta?

Se la risposta anche a una sola di queste domande è “no” allora continua a leggere! Questo articolo ti piacerà.

Prima di tutto, devi sapere che analizzare i dati delle singole promo è importante per avere sempre ben chiare le performance di ognuna e soprattutto in ogni momento, non solo dal backend del business.

Senza una procedura che ti consenta di organizzare le informazioni in modo strutturato rischi di perdere punti importanti nell’analisi, e quindi perdere potenzialmente soldi nel lungo periodo.

E noi non vogliamo che accada, vero?
Bene, iniziamo!

Cosa ci serve per analizzare le promozioni

Ti sembrerà strano, ma alla fase attuale non è detto che tu possa analizzare in pochi minuti tutti i dati delle tue promo.

Per fare questo occorre infatti avere a disposizione almeno un buon naming convention. Dopodiché, se volessimo strutturare dei report ancora migliori possiamo evolvere il nostro processo di analisi con Data Studio.

Ora vedremo tutto nel dettaglio.

Naming convention

“Un buon naming convention può salvare la vita” – Autocit.

Quando si analizzano molti dati il tempo diventa ancora più prezioso e riuscire a recuperare in brevissimo tempo informazioni molto specifiche può davvero fare la differenza tra un professionista e un fuoriclasse.

Per questo un buon naming convention ci risulta estremamente utile.

Ma cos’è il naming convention?

Semplicemente, è la struttura di naming che decidiamo di assegnare alle nostre campagne / gruppi / inserzioni.

Un esempio qui sotto:

NOME AGENZIA | COUNTRY | FASE DEL FUNNEL | ABO/CBO/A+ | OBIETTIVO | NOME FANTASIA

Che si tradurrà quindi in:

LOOP | IT | TOFU | ABO | PUR | Test creative

Non mi dilungherò troppo su questo aspetto in questo articolo, però devi sapere che possiamo strutturare naming convention per ogni elemento nel nostro ad account.

L’importante è che dal nome capiamo subito al volo cosa c’è dentro la campagna / gruppo / inserzione.

L’hai già capito, vero?
Esatto. Dobbiamo includere in questo passaggio una parte di naming relativa alle promo 😉

Che sia San Valentino, Natale, Pasqua o il Capodanno cinese non importa: inserire un naming che ci permetta di filtrare al volo gli elementi è indispensabile per analizzare nel giro di pochi minuti tutti i dati che vogliamo.

Consiglio di inserire il naming in tutti gli elementi che potenzialmente vogliamo analizzare, almeno campagna e inserzioni (potremmo sentire l’esigenza di analizzarli separatamente in seguito).

Se finora non lo hai fatto, comincia a farlo subito!

Data Studio

Sebbene per analizzare i dati pubblicitari delle nostre promo basti l’account pubblicitario potremmo sentire l’esigenza di voler incrociare anche dati al di fuori di Meta, come le revenue totali della promo fatta.

Per fare questo occorre quello che chiamiamo “connettore”, ossia un tool che porti i dati automaticamente a Data Studio senza necessità di inserimento manuale.

In genere consigliamo Power My Analytics per l’ottimo rapporto qualità / prezzo.

Ora vediamo nel pratico come creare dei report semplici ma davvero efficaci con lo strumento base di Meta: il Facebook Ads Reporting.

Costruire dei report con i dati delle promo in 2 minuti

Prima di tutto, andiamo a creare il dettaglio personalizzato che ci servirà per dividere i dati di ogni promo.

Cos’è un dettaglio personalizzato?

È in pratica il dettaglio di cui vogliamo guardare le metriche.

Se volessimo conoscere ad esempio il CPA di ogni campagna, il CPA sarebbe la metrica e il nome della campagna (o ID) sarebbe il dettaglio.

Quindi, un dettaglio personalizzato è un dettaglio non standard che andremo a costruire noi. In questo caso ci servirà (rullo di tamburi) solo un naming corretto.

Creare il dettaglio personalizzato

Andiamo su Report. Nella colonna a destra (sezione Dettagli) clicchiamo su “Crea dettaglio personalizzato”.

Costruire dei report con i dati delle promo in 2 minuti: Creare il dettaglio personalizzato

Ora dovremo segmentare i dati delle varie promo, quindi per ogni riga inseriamo il filtro corretto.

Costruire dei report con i dati delle promo in 2 minuti: Creare il dettaglio personalizzato

Molto semplice come vedi. Basta riprendere le varie promo con la seguente condizione:

Nome dell’inserzione contiene “PromoX”

In base a come avremo nominato le promo, naturalmente. Una volta inserite tutte, andiamo a confermare e creare il dettaglio.

Avremo così uno split perfetto di tutti i dati delle varie promo e anche l’insieme che non ne contiene nessuna (viene chiamato “Promemoria).

Creare i vari report che ci servono

Con questo dettaglio possiamo creare diversi report utili. Tutto dentro Facebook Ads Reporting e con la più assoluta semplicità.

Ecco qui 3 applicazioni utili di questo dettaglio.

Report tabellare delle metriche principali

Qui abbiamo il dettaglio tabellare per le metriche principali che abbiamo scelto.

Molto utile per analizzare velocemente quale promo ha portato un CPA migliore magari in relazione ad altre metriche come il CPC.

Creare i vari report che ci servono per analizzare le promo: Report tabellare delle metriche principali

Report a barre per valutare quanto budget è stato investito su ogni promo

Selezionando “A barre” come tipo di report e inserendo solo la metrica “Importo speso” avremo un dettaglio immediato di quali siano state le promo su cui abbiamo investito maggiormente.

Creare i vari report che ci servono per analizzare le promo: Report a barre per valutare quanto budget è stato investito su ogni promo

Report a barre per valutare l’efficacia di ogni promo

In questo caso, inserendo come metriche “Costo per acquisto”, “Costo per aggiunta al carrello” e “Costo per clic” avremo un dettaglio grafico interessante sugli eventi principali del funnel pubblicitario per ogni promo.

Salterà subito all’occhio se ci sono state promo particolarmente efficaci rispetto alle altre.

Creare i vari report che ci servono per analizzare le promo: Report a barre per valutare l’efficacia di ogni promo

Conclusioni

Non sottolineerò nuovamente quanto sia importante analizzare i dati correttamente (non voglio passare per un rompiscatole anche se, se già mi conosci, sai che un po’ lo sono), però spero che tu abbia compreso quanto sia semplice arrivare a certe informazioni se tutto fila liscio fin dall’inizio.

Un buon naming convention, idee chiare e pochi grafici possono avere un impatto importante sull’output di un business.

E l’output di un business può decidere le sorti del fatturato nel breve e medio-lungo periodo.

Spero che queste info ti siano state e ti saranno utili!

Se hai domande o vuoi approfondire / conoscermi meglio seguimi su Linkedin e scrivimi pure 😉

Scritto da:
Simone Razza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2022 © LOOP Agency Loop srl, Piazzale Clodio 22, 00195 Roma (RM) - CF e P.IVA 10041740969 - loopsrl@pecditta.com - RM-1551855
Privacy Policy - Cookie Policy

Powered by MarchettiDesign