Come utilizzare Facebook Ads per lanciare nuovi prodotti o servizi

4 minuti   Facebook Ads

By Giovanni Davalli

Come utilizzare Facebook Ads per lanciare nuovi prodotti o servizi

Di cosa parleremo oggi

In questo articolo parliamo degli elementi più importanti da tenere in considerazione e testare per il lancio di nuovi prodotti o servizi con Facebook Ads.

Introduzione

Se state pensando a un lancio di nuovi prodotti per la prima volta su Facebook, dovrete partire con una mentalità molto aperta ed elastica ed essere pronti a testare il più possibile.

Fino a quando non testate diverse ottimizzazioni tecniche, diverse offerte e diverse creatività non potrete mai sapere se Facebook Ads può essere il giusto canale per far crescere il vostro business e aiutarvi a generare le prime vendite.

Le campagne pubblicitarie su Facebook possono essere uno strumento incredibilmente efficace per la vostra azienda, ma bisogna avere pazienza e una strategia corretta per far sì che possano poi funzionare bene. Con questa premessa iniziamo questo viaggio per scoprire come utilizzare Facebook Ads per il lancio di nuovi prodotti o servizi!

Il vostro messaggio principale

Per il lancio di nuovi prodotti o servizi con Facebook Ads è importante capire prima di tutto qual è il vostro messaggio principale e comunicarlo al meglio.

Attirare l’attenzione e fornire le informazioni giuste per il lancio di nuovi prodotti o servizi con Facebook Ads non è assolutamente facile in un mercato così saturo e competitivo.

Per poterlo fare al meglio è necessario essere chiari, diretti e creare un’impressione del vostro brand che possa essere il più positiva e facile da ricordare possibile.

Per farlo in maniera pratica dovreste:

  • Evitare messaggi disordinati e dare priorità all’evidenziazione degli USP principali;
  • Creare un’offerta chiara: se la vostra audience non recepisce subito la vostra offerta, perderete immediatamente l’attenzione;
  • Migliorare costantemente il vostro messaggio testandolo.

Consiglio: se il vostro CTR è buono ma il vostro CVR è basso, avete molto margine di manovra per migliorare il vostro messaggio.

Lancio di nuovi prodotti o servizi: come utilizzare le Facebook Ads, qual è il messaggio principale?

Specificità verso il vostro target sui nuovi prodotti

Una delle cose su cui chi fa marketing si sofferma di meno è capire se la tipologia di inserzione è coerente con il proprio target.

Il primo passo per abbassare la CPA è migliorare il CTR.

E non c’è nulla che migliora il CTR maggiormente di un contenuto che è coerente con il target con cui vogliamo comunicare.

Bisogna avere un’ipotesi chiara sul perché un’inserzione può funzionare bene per il pubblico a cui vogliamo riferirci.

Esempio. Una semplice immagine statica del prodotto con CTA funzionerà meglio per un pubblico più anziano perché:

  • Un audience più anziana è meno familiare con contenuti complessi con editing troppo veloci;
  • Una semplice creatività statica è più facile da comprendere;
  • Un’audience più anziana ha una soglia dell’attenzione più bassa, quindi avere un messaggio breve e definito è più efficace.

Non bisogna necessariamente usare UGC solo perché è figo ed è il trend del momento.

Bisogna crearsi delle ipotesi, testare e iterare sulla base delle informazioni raccolte sul nostro target.

Organizzare il flusso di lavoro creativo e di copy

Lancio di nuovi prodotti o servizi: come utilizzare le Facebook Ads, organizzare il flusso di lavoro creativo e di copies

Subito dopo aver messo mano alle campagne è importante iniziare a pianificare i prossimi test a livello comunicativo (copy) e grafico (creatività).

Solitamente questa è una fase un po’ più complessa e che richiede un po’ più di tempo sia da un punto di vista di pianificazione che di sviluppo rispetto alle prime due fasi.

Il mio consiglio in questo caso è quello di partire dalle buyer personas di riferimento e creare copy e creatività che siano quanto più coerenti ed in linea possibile con il target.

Se nell’account ancora non sono presenti e avete la possibilità di sviluppare nuovi contenuti, ecco alcuni contenuti must-have da avere in ogni account:

  1. Recensioni clienti;
  2. Video unboxing;
  3. Videorecensioni;
  4. Grafiche con PR;
  5. Video how to use dei nuovi prodotti;
  6. UGC a manetta.

Cercate di ottenere quanto prima questi contenuti e di declinarli come nuove inserzioni da testare.

Analisi dei prodotti

Non tutti i prodotti sono fatti per essere scalati.

Ci sono nuovi prodotti che si prestano di più per essere scalati grazie ai loro margini e alla relativa domanda. Se analizzate la libreria inserzioni di grandi brand con ampi cataloghi vedrete che non vengono pubblicizzati tutti i prodotti ma solo alcuni.

Il vostro compito è, quindi, quello di individuare quei nuovi prodotti dove la marginalità e l’AOV sono più alti per cercare di essere il più profittevoli possibili sin dal primo acquisto.

Creazione di una comunicazione rilevante

Studiare e conoscere il proprio target serve proprio a questo: sviluppare una comunicazione che sia rilevante per gli utenti.

Questo ci permette di essere più efficaci non solo nei copy e nelle creatività che sviluppiamo per FB Ads, ma in tutte le altre fonti di traffico attive e nelle nostre pagine di atterraggio.

Creazione di offerte commerciali che ci permettano di scalare

Molto spesso prodotti che potrebbero scalare forte non scalano perché non sono venduti con un’offerta commerciale abbastanza forte che permetta di avere AOV e margini tali da spendere grandi budget.

Provate a testare bundle, nuovi upsell e crossell e offerte a tempo su più prodotti.

L’obiettivo è sempre quello di aumentare il CR aumentando anche l’AOV.

Testare landing page

Può capitare molto spesso che vi troviate a lavorare su un account con landing page non ottimizzate per il traffico a pagamento o su uno store in Shopify che necessiti di miglioramenti a livello di UX/UI.

Purtroppo, se pur questa parte non sia direttamente legata alle attività di Facebook advertising, se vogliamo garantire il successo delle nostre campagne suoi nuovi prodotti dovremmo assicurarci che anche l’esperienza post-click degli utenti sia curata nei minimi dettagli.

Possiamo anche avere le campagne più ottimizzate e con le inserzioni più efficaci, ma se il traffico poi non convertirà la colpa ricadrà sempre sull’advertiser!

Questa è probabilmente l’area del business più complessa e lunga da ottimizzare e perciò richiederà inevitabilmente più tempo. Nel frattempo, per ottimizzare l’account, vi consiglierei di lavorare sulle prime 3 aree.

Per ottimizzare al meglio l’esperienza post-click, vi consiglio di concentrarvi su:

  1. Velocità di caricamento;
  2. Presenza di social proof;
  3. UX: la customer journey attuale ha senso? Oppure è troppo lunga/breve?
  4. UI: La navigazione è fluida e rapida? Può essere migliorata?

Conclusione

Prima di poter lanciare delle campagne Facebook Ads per nuovi prodotti o servizi, quindi, dovete avere una roadmap di test da effettuare e variabili da testare per poter far sì che le vostre campagne possano avere successo.

È perfettamente normale non partire bene sin da subito e non raggiungere i KPIs che vi siete prefissati. È però importante avere bene in mente come poter arrivare alle metriche per avere un business sano!

Scritto da:
Giovanni Davalli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2024 © LOOP Agency Loop srl, Piazzale Clodio 22, 00195 Roma (RM) - CF e P.IVA 10041740969 - loopsrl@pecditta.com - RM-1551855
Privacy Policy - Cookie Policy

Powered by MarchettiDesign