Remarketing e Facebook ADS: 8 consigli per audience migliori

5 minuti   Facebook Ads

By Luca Bonfante

Remarketing e Facebook ADS: 8 consigli per audience migliori

Come sappiamo, Facebook è un’ottima piattaforma per portare traffico al nostro sito e/o e-commerce.

Tuttavia solo una piccola parte di persone acquista d’impulso appena vede un’inserzione, altre hanno bisogno di più “impression” per arrivare ad acquistare il nostro prodotto/servizio.

Ma non solo! Il remarketing è utile anche per andare a rimonetizzare vecchi clienti che già avevano acquistato dal nostro brand.

In questo articolo vi mostrerò alcune tips che utilizzo in remarketing per e-commerce ma anche per personal brand o attività locale.

Come fare tecnicamente

A livello tecnico è molto semplice.

1.Creiamo una campagna con l’obiettivo corretto in base allo scopo che vogliamo raggiungere: assistenza clienti, recupero carrello, ecc. Solitamente io le faccio per la maggior parte a conversione.

remarketing: i passaggi per creare una campagna costruita ad hoc

2.Inseriamo un pubblico personalizzato creato ad hoc in base alle nostre esigenze. Possiamo crearlo dal pannello “Pubblici” oppure crearlo direttamente dalla creazione della campagna, a livello di adset cliccando su “Crea nuovo”

3.Lasciamo tutti i parametri come età, generi, targetizzazione dettagliata il più grandi possibili. In questo modo se abbiamo anche del traffico organico al di fuori del nostro cliente target, includeremo nel remarketing anche lui.

remarketing: i passaggi per creare una campagna costruita ad hoc

4.Creiamo delle ADS con creatività adatte all’audience di riferimento. Utilizziamo creatività di social proof, recensioni, link all’assistenza ecc.

Pubblico personalizzato: com’è suddiviso il pannello per la creazione

Una volta aperto il pannello per la creazione del nostro pubblico personalizzato possiamo notare che le opzioni sono divise in due macro aree:

  • Le tue origini.
  • Origini di Facebook.
Pubblico personalizzato: com’è suddiviso il pannello per la creazione

Nelle tue origini troviamo tutto quello che accade al di fuori di Facebook, quindi attraverso il pixel oppure attraverso elenco di clienti che possiamo caricare.

Nelle origini di Facebook invece troviamo tutto il tracciamento che avviene sulla piattaforma quindi all’interno di Facebook o Instagram. Qui troviamo ad esempio le interazioni con le pagine, le visualizzazioni dei video, l’apertura dei moduli contatti ecc.

Remarketing per e-commerce

La cosa importante per gli e-commerce è strutturare campagne di remarketing finalizzate all’acquisto del prodotto sponsorizzato.

In base alla tipologia di prodotto e alla Customer Journey, il messaggio e la lunghezza temporale della nostra custom audience andrà a cambiare.

Ora andiamo a vedere quali tipologie di pubblici utilizzo più spesso.

Audience basata sull’interazione con le pagine e le visite al sito

Personalmente, appena lanciate delle campagne per un nuovo brand o progetto, la prima cosa che faccio è andare a strutturare una prima fase di remarketing con pubblici basati su:

  • Interazione con la pagina Facebook di x giorni (a differenza della lunghezza di acquisito);
  • Interazione con la pagina Instagram di x giorni (a differenza della lunghezza di acquisito);
  • Visite al sito (Page View) di x giorni (a differenza della lunghezza di acquisito).
Audience basata sull’interazione con le pagine e le visite al sito

Con questa impostazione vado a prendermi il massimo pubblico possibile ovvero tutti coloro che hanno interagito in una minima parte con il brand in questione.

Non avremo un pubblico caldissimo ma piuttosto un pubblico tiepido. Potremo identificarlo come una fase MOFU.

Audience più segmentata e più vicina all’acquisto

Andremo a segmentare ancora di più la nostra audience andando a creare un pubblico personalizzato basato su eventi di conversione più vicini all’acquisto quindi aggiunte al carrello o inizi di acquisto.

Audience più segmentata e più vicina all’acquisto

In questa fase avremmo sicuramente un pubblico più caldo quindi sarà importante andare a creare ADS con messaggi specifici che rispondano ad esempio alle domande frequenti o che rafforzino i benefici del prodotto.

Possiamo identificare questa fase come una campagna BOFU.

Audience di remarketing basate sul valore di acquisto dei nostri clienti

In questo caso andremo a riattivare tutti i nostri vecchi clienti segmentandoli però in base al loro valore medio di conversione ovvero in base alla spesa media che hanno fatto in passato.

Audience di remarketing basate sul valore di acquisto dei nostri clienti

Per fare questo dovremo riuscire a segmentare il nostro database in base alla spesa media che ogni cliente ha portato nel tempo. Riusciremo così a fare diversi cluster di persone basate sul valore della spesa e quindi andare a personalizzare il messaggio in base alla potenza di acquisto mostrando prodotti in upsell/crossell più o meno costosi.

Audience di remarketing in base alla customer journey

Un’altra audience potentissima è quella del valutare la customer journey del tuo prodotto e andare a riproporre l’acquisto dopo un certo periodo temporale.

Es. sai che il prodotto che vendi, tendenzialmente dopo 30 giorni finirà e quindi il cliente dovrebbe riacquistarlo. Andrai a farti delle audience basate sugli acquisti a 30 giorni e andrai a mostrargli dei messaggi specifici legati ad esempio al motivo per il quale dovrebbero riacquistare il tuo prodotto.

Audience di remarketing basata sulla frequenza di eventi scattati dal pixel

E’ un’audience particolare basata ad esempio su tutte le persone che visualizzano almeno 2 pagine sul sito.

Si può creare facilmente selezionando:

Pubblico Personalizzato > Il tuo sito web > Seleziona un evento del pixel > Perfeziona in base a > Frequenza

Audience di remarketing basata sulla frequenza di eventi scattati dal pixel

In questo modo potremmo andare a creare pubblici che hanno fatto scattare più di X volte un evento sul nostro sito andando a creare così audience di maggiore qualità.

Remarketing per personal brand/attività locale

Il remarketing che viene fatto per un’attività locale è molto simile a quello che viene fatto per potenziare un personal brand o brand.

La cosa fondamentale in questo caso è l’impression ovvero l’essere presenti tante volte e con messaggi diversi nel feed dei nostri potenziali clienti.

In questo caso ci sono 2 principali audience importanti e fondamentali e sono basate solamente sul tempo dall’ultima interazione con le nostre pagine.

Audience basata su interazione a breve termine

Ovvero tutte quelle persone che sono più attive nei confronti del tuo brand. Saranno le persone più affezionate. Esempio: tutte le persone che hanno interagito negli ultimi 30 giorni.

Audience basata sull’interazione a lungo termine

Saranno comprese tutte quelle persone che ti conoscono ma non sono comunque super attive. Hanno bisogno di ancora più tempo o del messaggio giusto per diventare fan attivi del brand.

Entrambe le audience solitamente le faccio basate sull’interazione con le pagine Facebook e Instagram.

Esiste anche una terza audience molto interessante che utilizzo nei casi in cui debba fare lead generation.

Audience basata sui lead per convincerli del servizio che offrite

Esempio: Vuoi lanciare un webinar, fai lead generation dicendo che il tal giorno alla tal ora ci sarà il webinar.

Potrebbe accadere che le persone si dimentichino la data quindi quello che andrò a fare sarà una campagna direttamente sui lead per andare a ricordare la data e magari mostrare delle anteprime andando a creare hype attorno all’evento.

Conclusione

Spero di avervi dato dei buoni spunti per creare audience migliori e per andare a segmentare meglio il vostro pubblico in remarketing.

Scritto da:
Luca Bonfante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright 2022 © LOOP Agency Loop srl, Piazzale Clodio 22, 00195 Roma (RM) - CF e P.IVA 10041740969 - loopsrl@pecditta.com - RM-1551855
Privacy Policy - Cookie Policy

Powered by MarchettiDesign